Eventi 2010

ebraioi_terg_6Ottobre2009/Gennaio 2010
GRECI AD AUSCHWITZ-BIRKENAU
Con la proiezione del documentario “Greci ad Auschwitz-Birkenau” la Fondazione Ellenica di Cultura partecipa alla mostra “Ebrei di Salonicco 1492-1943. La diplomazia italiana e l’opera di rimpatrio” organizzata a Trieste dal Museo Ebraico di Bologna, dal Museo e dalla Comunità Ebraica di Trieste e dalla Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura.
Il documentario è una produzione del Ministero degli Esteri greco a ebraioi_terg_3cura di F. Tomaì. Si riferisce ad una poco conosciuta sollevazione dei greci deportati, ebrei e cristiano-ortodossi, nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. In questo campo erano stati deportati 60.000 greci, principalmente di religione ebraica, ma anche decine di cristiani accusati di azioni di resistenza in Grecia contro le forze dell’Asse.
Il documentario racconta questa pagina nera della storia attraverso documenti e testimonianze che conducono passo dopo passo il visitatore all’interno del luogo di martirio di Auschwitz-Birkenau.
La mostra “Ebrei di Salonicco 1492-1943. La diplomazia italiana e ebraioi_terg_5l’opera di rimpatrio” ripercorre la storia della popolazione ebrea di Salonicco nel periodo 1941-1943 rivolgendo particolare attenzione al ruolo avuto dalla diplomazia italiana nel 1943 nell’opera di salvataggio e rimpatrio di 350 ebrei di origine italiana abitanti a Salonicco.
In particolare si fa riferimento all’opera del Consolato Generale d’Italia a Salonicco inizialmente intrapresa dal console Guelfo Zamboni in servizio dal febbraio del 1942 al 18 giugno del 1943 e poi portata avanti dal console Giuseppe Castruccio. Il console Zamboni con particolare zelo si occupò, collaborando con le autorità tedesche di occupazione, della fuga e del rimpatrio degli ebrei di origine italiana di Salonicco e dell’invio in Italia dei loro beni.
Museo Ebraico di Trieste Carlo e Vera Wagner, Via del Monte, 7 – Trieste
Dal 27 ottobre 2009 al 15 gennaio 2010
Orari: Domenica, Lunedì, Martedì, Giovedì e Venerdì 10.00 – 13.00 e Martedì 16.00 – 19.00


terg_ritsos_feb2010_1

Febbraio 2010
IANNIS RITSOS ISPIRA ARTISTI ITALIANI
Omaggio a Iannis Ritsos dal titolo “Iannis Ritsos ispira artisti italiani” per i 40 anni dalla pubblicazione della sua prima antologia poetica tradotta in italiano. L’evento “Iannis Ritsos ispira artisti italiani” è promosso dal Comune di Trieste, dalla Fondazione Ellenica di Cultura (Sezione Italiana), dalla Comunità Greco Orientale di Trieste, e dal corso di Lingua e Letteratura Neogreca dell’Università di Trieste, con il patrocinio del Ministero della Cultura di Grecia.


Iannis Ritsos è uno dei più tradotti fra i poeti greci contemporanei e l’incontro con la sua poesia ha ispirato vari artisti italiani: tre di loro (la compositrice Fiorella Petronici, il poeta Paolo Consigli e la pittrice Alda Tacca) presenteranno al pubblico triestino le loro opere. Il programma comprende:
– Una breve presentazione della vita e dell’opera del poeta Iannis Ritsos, da parte della professoressa di Lingua Neogreca c/o l’Università di Trieste, sig.ra Lucia Marcheselli.
– Recita della poesia del poeta italiano Paolo Consigli, dal titolo “Tre Donne”, ispirata all’opera poetica di Iannis Ritsos, da parte dell’attore Luigi Monferdini. Si tratta dei monologhi di Penelope, Nausica, e Circe che rimandano alle atmosfere della “Quarta Dimensione” di Iannis Ritsos. La recita sarà accompagnata dalla musica della compositrice e pianista Fiorella Petrocini.
– Proiezione di fotografie di Carlo Gardini delle opere della pittrice Αlda Tacca, ispirate all’opera poetica di Iannis Ritsos.
– Recita della poesia di Iannis Ritsos “Lettera a Joliot-Curie”, tradotta in italiano da N.Crocetti e D.Makris, da parte dell’attore Luigi Monferdini, accompagnata dalla musica della compositrice e pianista Fiorella Petrocini, ispirata alla poesia stessa.
– Lo spettacolo si conclude con la proiezione di un video dall’ Archivio di Iro e Georgios Sgourakis sulla vita del poeta, commentato dallo stesso I. Ritsos.
Venerdì 5 febbraio 2010 alle ore 17.30, all’Auditorium del Museo Revoltella, Via Diaz 27, Trieste.

Immagini della manifestazione tenutasi presso la sala Auditorium del Museo Revoltella. La realizzazione scenica è stata curata dalla pittrice Alda Tacca. Le poesie sono state recitate dall’attore Luigi Monferdini su accompagnamento musicale della compositrice e pianista Fiorella Petrocini. In apertura della manifestazione la docente di Lingua neogreca dell’Università degli Studi di Trieste Lucia Marcheselli ha presentato brevemente la vita e dell’opera di Iannis Ritsos.


terg_25marth_1Marzo 2010
CELEBRAZIONI PER LA FESTA NAZIONALE DEL 25 MARZO
A Trieste la Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura organizza in collaborazione con altri enti culturali greci locali in occasione delle celebrazioni per la festa nazionale greca del 25 marzo una serie di manifestazioni con la partecipazione di alunni e insegnanti della Seconda Scuola Elementare di Oreokastro (Salonicco) e di esponenti dell’amministrazione comunale (in totale saranno 84 le persone che verranno in visita alla città di Trieste).
Le manifestazioni sono organizzate con la collaborazione del Console Onorario di Trieste e della Comunità Greco-Orientale di Trieste.

Il programma comprende: benedizione nella Chiesa di San Nicola, danze tradizionali, recita di poesie, canzoni e una rappresentazione teatrale degli alunni della scuola elementare di Salonicco. Si parlerà inoltre del valore della festività del 25 marzo. Le manifestazioni si terranno nella sala Giubileo presso l’albergo Filoxenia della Comunità Greca. La Sezione Italiana in collaborazione con il Consolato Onorario di Grecia e la Comunità Greco-Orientale di Trieste ha organizzato una serie di manifestazioni in occasione della festa nazionale greca del 25 marzo a Trieste, con la partecipazione degli alunni della Seconda Scuola Elementare di Oreokastro (Salonicco).

Le manifestazioni si sono tenute presso la Sala Giubileo – Filoxenia della Comunità Greca.
In occasione di questa manifestazione è venuto in visita a Trieste un gruppo di 84 persone provenienti dalla Grecia, tra cui 35 alunni della scuola elementare, accompagnati da genitori, insegnanti, dal dirigente scolastico Panagiotis Papadopoulos, dai consiglieri comunali del Comune di Oreokastro Asterios Batos e Irini Kepetzi, dal direttore del 6ο Ufficio per l’Istruzione Primaria di Salonicco D. Konstantinou, dalla reponsabile per le tematiche culturali di Salonicco Caterina Rapasani e dal consigliere scolastico della 210 circoscrizione di Salonicco Ioannis Trikaliotis.

La visita della scuola elementare greca alla città di Trieste è avvenuta nel quadro di un programma educativo dal titolo “Rigas Fereos – Azione Rivoluzionaria”. Rigas Fereos, rivoluzionario, illuminista e letterato fu il precursore della Rivoluzione Greca del 1821. Credette fermamente nella necessità che il popolo greco venisse in contatto con le idee illuministe che si stavano diffondendo nell’Europa del 180 secolo, convinzione che lo spinse alla stesura o alla traduzione di testi in lingua demotica e alla realizzazione della “Carta”, un’opera monumentale per l’epoca che consisteva in una carta delle libertà. Tra le diverse città in cui Rigas realizzò le sue attività ci fu anche Trieste dove, nel 1797, fu arrestato dalle autorità austriache e consegnato agli Ottomani i quali lo uccisero dopo averlo incarcerato a Belgrado assieme ai suoi compagni.
Le manifestazioni si sono aperte con la celebrazione della Santa Messa nella Chiesa di San Nicola e sono proseguite con il discorso del Dirigente Scolastico della Scuola elementare di Oreokastro, sig. Papadopulos, su temi riguardanti la festività nazionale, con l’esibizione del coro di danze tradizionali della Comunità Greco-Orientale e con la recita di poesie dedicate alla Rivoluzione da parte degli alunni della Scuola Greca della Comunità di Trieste. Gli alunni della 20Scuola Elementare di Oreokastro (Salonicco) hanno messo in scena una rappresentazione teatrale, curata da loro con l’aiuto degli insegnanti, nella quale, indossando costumi tradizionali, hanno presentato il susseguirsi degli eventi storici della Rivoluzione attraverso dialoghi poetici accompagnati da canzoni e danze tradizionali greche.
Le manifestazioni si sono concluse con un rinfresco di specialità greche offerto dal Console Onorario, sig. Menelaos Pappas e dalla consorte Marina.
Per la sera del 25 marzo è stata organizzata una festa tradizionale greca presso il ristorante Filoxenia della Comunità Greca, alla quale hanno partecipato la rappresentanza greca, i membri della Comunità e molti amici italiani, con l’accompagnamento musicale dell’orchestra della scuola elementare greca.


terg_diag_poihsh_1Marzo 2010
VI CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA CASTELLO DI DUINO
Nell’ambito del VI Concorso Internazionale di Poesia Castello di Duino si è distinta la giovane poetessa greca Niki Andrikopùlu. La partecipazione della Grecia al concorso è avvenuta su iniziativa della Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura nel quadro della collaborazione con enti culturali locali e con il Ministero dell’Istruzione Greco. La Sezione Italiana, oltre al sostegno organizzativo, si è occupata di diffondere il bando presso le scuole greche di ogni ordine e grado con la collaborazione della Sezione Interculturale per gli Studi, la Formazione e l’Innovazione del Ministero della Pubblica Istruzione Greco e di associazioni letterarie greche che si occupano di poesia. Nell’edizione di quest’anno sono pervenute 34 poesie da parte di studenti di scuole e università greche.

Il concorso di poesia, uno dei principali a livello internazionale, si rivolge a giovani fino a 30 anni e ha ottenuto fino ad oggi l’adesione di circa 4.000 giovani poeti. Quest’anno vi partecipano 1065 poesie composte in 20 lingue diverse. Le manifestazioni della VI edizione avranno luogo dal 19 al 21 marzo 2010.
Il Concorso è organizzato dall’Associazione di Volontariato Poesia e Solidarietà, dal Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico, con il sostegno dell’UNESCO, del principe Alessandro Della Torre Tasso del Castello di Duino, dei Comuni di Trieste, Duino e Muggia, della C.E.I. (Central European Initiative) e di diverse altre associazioni
Le manifestazioni della 6a edizione del concorso si sono svolte dall 19 al 21 marzo 2010:
•19/03/2010:
–  16.00: Inizio della manifestazione presso la Sala Maggiore della Camera di Commercio di Trieste alla presenza dei giovani poeti distintisi durante il concorso, rappresentanti delle autorità locali e degli organizzatori.
–  09:30: Incontro sul tema “Tradurre” in collaborazione con l’Università di Trieste al quale hanno partecipato gli studenti della Scuola Superiore di Lingue Moderne per interpreti e traduttori e i giovani poeti partecipanti al concorso.
–  17:30: Inaugurazione della mostra fotografica “Luci – Ombre” presso la Sala Arturo Fittke, nella quale sono state esposte le fotografie dei giovani poeti partecipanti al concorso accompagnate da versi poetici. La mostra è rimasta aperta al pubblico fino al 30 marzo.
–  20.00: Recita di poesie di poeti di diversi paesi in italiano e nella lingua originale a cura delle poetesse Chiara De Luca e Claudia Azzola presso lo storico Caffè San Marco.
20/03/2010:
–  9:00: Manifestazione sul tema “La poesia pe la pace” in occasione dei festeggiamenti per la Giornata Mondiale della Poesia organizzata presso il Liceo Oberdan di Trieste che ha visto la partecipazione anche di studenti provenienti da altri licei della regione Friuli Venezia Giulia e dei giovani poeti che si sono distinti durante il Concorso.
–  19:00: Incontro dei giovani poeti con lo scrittore Dieter Schlesak, ospite d’onore della 6a edizione del concorso, presso lo storico Caffè San Marco sul tema “Letteratura e impegno sociale”.
terg_diag_poihsh_3Cerimonia di premiazione presso l’Auditorium del Castello di Duino
• 21/03/2010: 
–  16:30: Cerimonia di premiazione presso la sala Auditorium del Castello di Duino. La cerimonia è iniziata con la lettura del saluto inviato dal Presidente della Repubblica Italiana. Tra gli altri sono intervenuti la principessa Veronica Della Torre Tasso del Castello di Duino e il Sindaco del Comune di Duino Giorgio Ret.
– Sono stati consegnati i seguenti riconoscimenti: la medaglia della Presidenza della Repubblica Italiana consegnata dallo scrittore Dieter Schlesak al giovane poeta pakistano Omer Masood Quereshi.terg_diag_poihsh_2 Il primo premio alla poetessa camerunense Patrice Major Asse Eloundou, il secondo premio al poeta italiano Dario Tampede e il terzo al poeta tibetano Palden Gyal. Il premio della sezione riservata ai progetti scolastici di poesia è stato vinto dalla scuola tedesca Widukind- Gymnasium Spenge e da quella slovena Ginnasio Gian Rinaldo Carli. A ciascuno dei vincitori sopra elencati oltre al riconoscimento è stata conferita anche la somma di 500euro, parte della quale secondo il regolamento del concorso è stata devoluta a terg_diag_poihsh_4un’associazione umanitaria scelta dal vincitore. In seguito sono stati consegnati gli altri premi, quali la Targa del Centro Unesco di Trieste, la targa dell’ALUT, la targa “Sergio Penco” e altri premi ai giovani poeti selezionati per la pubblicazione delle poesie nella raccolta edita da IBISKOS, come è il caso della poetessa greca Niki Andrikopoulou.


terg_gkatsos_1Aprile 2010
OMAGGIO AL POETA NIKOS GATSOS
La Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura in collaborazione con la Cattedra di Neogreco dell’Università degli Studi di Trieste e la Comunità Greco-Orientale di Trieste organizza un “Omaggio al poeta Nikos Gatsos” – Poesie musicate da M. Chatzidakis, M. Theodorakis, S. Xarchakos.

La manifestazione si terrà venerdì 23 aprile 2010 alle ore 17.30 presso la sala Giubileo – Filoxenia della Comunità Greca di Trieste. La manifestazione è stata curata dalla lettrice di lingua neogreca dell’Università di Trieste Maria Kassotaki in collaborazione con la Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura.

Il programma comprende:
1. Introduzione: presentazione del periodo letterario “Poeti della generazione del ’30” a cui appartiene il poeta Nikos Gatsos da parte del prof. Dimitrios Mammis.
2. Presentazione della vita e dell’opera del poeta Nikos Gatsos da parte di Martina Bradaschia, laureata in Lingua e Letteratura Neogreca.
3. Breve inquadramento storico e lettura da parte di Martina Bradaschia dei testi delle poesie musicate in programma, le quali verranno poi interpretate dal contralto Elena Albertelli con l’accompagnamento del pianista Federico Consoli.

Le poesia che verranno eseguite sono:
– Χάρτινο το φεγγαράκι – Chàrtino to fengaràki (Piccola luna di carta)
– Περιμπανού – Peribanoù
– Καλυμνιώτικο – Kalimniòtiko
– Η τρελλή του φεγγαριού – I trellì tu fengariù (La matta della luna)
– Το όνειρο καπνός – To òniro kapnòs (Il sogno in fumo)
– Στου Όθωνα τα χρόνια – Stu Òthona ta chrònia (Durante gli anni di Ottone)
– Αθανασία – Athanasìa (Immortalità)
– Στο Λαύριο γίνεται χορός – Sto Lavrio gìnete choròs (A Lavrio si balla)
– ‘Aσπρη μέρα – Àspri mera (Giorno bianco)
– Σε πότισα ροδόσταμο – Se potisa rodostamo (Ti ho dato da bere acqua di rose)
– Είχα φυτέψει μια καρδιά – Ìcha fitèpsi mia kardià (Avevo seminato un cuore)
– Το εκκρεμές – To eccremès (Il pendolo)
– Η μικρή Ραλλού – I mikrì Rallù (La piccola Ralli)
– Κεμάλ – Kemàl
– Μυρτιά – Mirtià (Mirto)

Venerdì 23 aprile 2010, ore 17.30
La sala Giubileo – Filoxenia della Comunità Greca di Trieste
Disegno: Dimitrios Mammis


terg_gkatsos_2Maggio 2010
OMAGGIO AL POETA NIKOS GATSOS A UDINE
La Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura organizza presso il Liceo Classico “J. Stellini” di Udine la manifestazione “Omaggio al poeta Nikos Gatsos”, già realizzata a Trieste il giorno 23 aprile.

La manifestazione, che si terrà giovedì 13 maggio 2010 alle ore 14.00 presso l’aula magna del Liceo Classico “J. Stellini” di Udine, è stata curata in collaborazione con la Sezione Italiana dal docente della Cattedra di Neogreco dell’Università di Trieste Dimitrios Mammis e dalla professoressa di discipline classiche del Liceo “J. Stellini” Olga Maieron. (Nelle immagini, l’ingresso del liceo e gli insegnanti di greco).


terg_kavad_meta_3Giugno/Iulio 2010
Omaggio al poeta Nikos Kavvadias
La Fondazione Ellenica di Cultura organizza nelle proprie Sezioni e Sedi Staccate una mostra-omaggio al poeta Nikos Kavvadias in occasione del centenario della nascita. L’omaggio prenderà avvio da Trieste il giorno 18 giugno, con un concerto del gruppo musicale «Pègasos» di Lubiana e la presentazione dell’opera del poeta da parte dei docenti di Lingua e Letteratura Neogreca dell’Università di Trieste Mariaterg_kavad_meta_1 Kassotaki e Dimitris Mammìs, i quali hanno realizzato la traduzione delle poesie e hanno curato la sezione letteraria dell’omaggio. È la prima volta che l’opera di Nikos Kavvadias viene presentata in lingua italiana. All’interno della mostra verrà, inoltre, proiettato il documentario “Con gli occhi rivolti alla terraferma” di Katerina Patroni.
È in progamma la successiva presentazione dell’omaggio a Nikos Kavvadias in altre città italiane e in altre Sedi (Berlino, Odessa, Alessandria) e Sezioni (Belgrado, Sofia, Bucarest, Tirana) della Fondazione Ellenica di Cultura, nella lingua dei rispettivi paesi. Intento della Fondazione Ellenica di Cultura è, infatti, quello di fare in modo che l’opera del poeta diventi patrimonio del pubblico di ogni paese.


kavvadias_xoros_2Settembre 2010
Il POETA DEI MARI NIKOS KAVVADIAS ALLA MANIFESTAZIONE “DANZANDO TRA I POPOLI”
Con la mostra “Nikos Kavvadias: il poeta dei mari e dell’amore incompiuto – Centenario dalla nascita” la Fondazione Ellenica di Cultura – Sezione Italiana partecipa al festival “Danzando tra i popoli…”. Il festival, che è giunto alla sua decima edizione e che si svolge ogni anno nel secondo finesettimana di settembre nel paese di Blessano di Basiliano (Udine – Friuli), è dedicato alla tradizione folcloristica.

Quest’anno la manifestazione rende omaggio alla Grecia e alla Magna Grecia grazie alla collaborazione con la Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura, la Comunità Greco-Orientale di Trieste e l’Università di Trieste – Lingua e Letteratura Neogreca.
La manifestazione si svolgerà nei giorni 10, 11 e 12 settembre 2010 e vedrà la partecipazione di gruppi musicali e di danze tradizionali greche provenieneti dalla Grecia e dalla Magna Grecia.


terg_erwtokritos_1Ottobre/Novembre 2010
EROTÒKRITOS A VENEZIA, TRIESTE E ROMA
L’opera Erotòkrotos di Vincenzo Kornaros verrà presentata in Italia (29 ottobre a Venezia, 31 ottobre a Trieste, 2 Novembre a Roma) dal Laboratorio Teatrale dell’Università di Cipro (TH.E.PA.K) in occasione dei 50 anni dall’indipendenza della Repubblica di Cipro. Lo spettacolo è un nuovo adattamento scenico del capolavoro di Kornaros – frutto di un’estesa rivisitazione sperimentale dell’allestimento dell’Erotòkritos messo in scena per la prima volta 5 anni fa dal gruppo teatrale dell’Università di Cipro e presentato poi in diverse città europee. È, inoltre, il risultato di un’approfondita ricerca condotta sulle fonti rinascimentali dell’opera di Kornaros. Lo spettacolo è stato preparato con grande entusiasmo in occasione della tournée del TH.E.PA.K in Italia.terg_erwtokritos_2
La particolarità della rappresentazione consiste nel fatto che, per la prima volta, la più importante opera letteraria del Rinascimento Cretese sarà rappresentata oltre che in lingua greca, anche in italiano – la lingua degli antenati di Kornaros e di molte opere della letteratura rinascimentale occidentale che hanno ispirato questo capolavoro della letteratura greca (la versione di Orvietano di Paris et Vienne, la Divina Commedia di Dante, l’Orlando Furioso dell’Ariosto, l’Orlando Innamorato del Boiardo, la Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso, per citarne alcune).
La decisione di presentare alcune parti corali e scene centrali dello spettacolo in italiano non è motivata solo dalla necessità di rendere l’opera fruibile ad un pubblico non grecofono, ma ancor più costituisce una sorta di tributo alla tadizione letteraria occidentale che ha contribuito alla fioritura letteraria nella Creta del XVI e XVII secolo, che a sua volta si è rivelata di fondamentale importanza per il successivo sviluppo della letteratura neogreca.
L’organizzazione delle rappresentazioni è frutto della collaborazione tra l’Università degli Studi di Trieste, l’Università La Sapienza di Roma, l’Università Ca’ Foscari di Venezia e la Fondazione Ellenica di Cultura – Sezione Italiana. Le manifestazioni, che hanno il patrocinio dell’Ambasciata delle Repubblica di Cipro e dell’Ambasciata di Grecia in Italia e il sostegno dei Ministeri della Cultura di Grecia e di Cipro, degli Assessorati alla Cultura dei Comuni di Trieste e Venezia e della Comunità Greco-Orientale di Trieste, si inseriscono nell’ambito della campagna nazionale «Ottobre piovono libri 2010» promossa dal Centro Nazionale per il Libro e la Lettura, Ministero dei Beni Culturali.
Va ricordato che la rappresentazione è già stata presentata con grande successo non solo a Creta, ma anche a Cipro, in Grecia (Atene, Ioannina, Volos), in Germania (Münster, Amburgo, Monaco), in Inghilterra (Londra), in Francia (Strasburgo), in Olanda (Amsterdam) e in Sicilia (Palermo).

Adattamento scenico di MICHALIS PIERIS
Musiche di
CHRISTOS PITTAS
e ANTONIS XILOURIS-PSARANTONIS

Testi in italiano: Gaia Zaccagni – Scene: Christos Lysiotis
Costumi: Marina Kleanthous, Christos Lysiotis – Luci: Karolina Spyrou
Direttore di produzione, aiuto regista: Stamatia Laoumtzì
Direttore del coro: Nikolas Papageorgiou – Dizione in lingua italiana: Gaia Zaccagni
Voce narrante in italiano: Dafne Lianaki – Suono: Stamatia Laoumtzì
Assistenza tecnica: Arghyris Chatzinikolaou

VENEZIA: 29 ottobre 2010, ore 18.30, Università Ca’ Foscari – Auditorium Santa Margherita, Dorsoduro 3246 – 30123 Venezia (tel. 0412348111).
TRIESTE: 31 ottobre 2010, ore 19.30, Auditorium Μuseo Revoltella,
Via Diaz 27 – 34123 Trieste (tel. 040 6754350).
ROMA: 2 novembre 2010, ore 21.00, “Teatro Vascello”, Via Giacinto Carini 72/78 – 00152 Roma (tel. 06 5881021).


terg_slov_kav_1Novembre/Dicembre 2010
Il poeta dei mari a Lubiana
La Mostra e Omaggio «Nikos Kavvadias: il poeta dei mari e dell’amore incompiuto – centenario della nascita» è organizzata dalla Cattedra di Lingua Neogreca dell’Università di Lubiana e dalla sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura in collaborazione con l’Associazione Culturale Greco-Slovena presso il museo Mestni Musej di Lubiana il giorno lunedì 29 novembre 2010 alle ore 19.00. L’evento si svolge con il patrocinio dell’Ambasciata di Grecia in Slovenia e con il sostegno del Ministero Ellenico della Cultura.
La manifestazione si propone di far conoscere al pubblico sloveno il poeta Nikos Kavvadias (1910-1975). Un “ideale amante dei viaggi remoti e dei mari celesti” che solcò per anni i mari come marconista sulle navi mercantili e che invano desiderò profondamente di “squarciare l’opaca linea dell’orizzonte”. Egli trascrisse nelle sue opere in poesia ed in prosa, attraverso un discorso poetico immediato, personale e talvolta tragico, storie e disavventure, amori ed amarezze, delusioni e nostalgie legate alla costante ricerca, alla fuga drammatica e all’inguaribile nostalgia dei marinai. Le sue opere, che hanno avuto la fortuna di essere molto amate dal pubblico sia sottoforma di testi che sottoforma di canzoni, attraverso le varie trasposizioni musicali, sono piene di immagini potenti, di metafore, di influenze multiculturali e di riferimenti.


Nella mostra, in programma dal 29.11.2010 al 06.12.2010, i visitatori avranno la possibilità di poter assistere ad alcune scene tratte dalla vita e dai viaggi di N. Kavvadias, di poter ammirare fotografie di volti e di porti che rimandano ai suoi testi.
All’interno del materiale visivo della mostra ritroveremo poesie e frammenti di testi in prosa tradotti in lingua slovena.
La mostra sarà completata da alcuni elementi biografici, da un archivio cronologico, dalla lista delle opere e da una raccolta di tutti i volumi in vendita in Grecia (edizioni Agra), da approfondimenti, da materiale audiovisivo contenente le interpretazioni musicali delle poesie. Nello spazio della mostra verrà proiettato il documentario di Katerina Patroni “Con gli occhi rivolti alla terraferma” ispirato alle opere del poeta.
L’esposizione verrà inaugurata dall’Ambasciatore Greco in Slovenia Dionysios Kountoureas.
L’omaggio comprenderà un’introduzione al poeta ad opera del dottor Brane Senegačnik, la recita di alcune poesie in sloveno ad opera dell’attrice e traduttrice Loiska Avagianou, mentre il gruppo musicale “Pegasos” interpreterà le trasposizioni musicali. Le poesie sono state tradotte dai docenti del Dipartimento di Filologia Classica e dagli studiosi della Cattedra di Lingua Neogreca, sono state curate dai docenti Jerneja Kavčič e Brane Senegačnik in collaborazione con la filologa Vasso Varsamakidou.

Durata della mostra: 29/11/ 2010 – 06/12/ 2010
MESTNI MUSEJ Ljubljana, Gosposka 15, 1000 Ljubljana, tel. 00 386 1 2412 500, info@mestnimuzej.si
Mardi – Domingo: ogni giorno dalle 17 alle 21

La manifestazione dedicata al poeta Nikos Kavvadias che si è tenuta kavvadias_slov_m_2a Lubiana nella sala convegni del Museo Mestni, organizzata dalla cattedra di Greco Moderno dell’Università di Lubiana e dalla Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura, in collaborazione con l’Associazione Culturale Greco-Slovena, ha avuto grande successo.


terg_xam_klhr_1Dicembre 2010   PATRIMONIO   PERDUTO: CIPRO 1974-2010
È stata inaugurata il 5 dicembre a Trieste la mostra fotografica del noto fotografo cipriota Doros Partasidis «Patrimonio perduto: Cipro 1974-2010» che presenta la distruzione del patrimonio artistico e culturale nella parte di Cipro occupata dalla Turchia.
La mostra è stata organizzata dall’Ambasciata della Repubblica di Cipro in Italia in collaborazione con la Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura e la Comunità Greco Orientale di Trieste e il Consolato Onorario della Repubblica di Cipro a Trieste, con il patrocinio del Comune di Trieste, in occasione dei festeggiamenti per il 50o anniversario della Repubblica di Cipro.
La mostra è stata inaugurata dal Primo Consigliere dell’Ambasciata della Repubblica di Cipro in Italia Iakovos Giragosian, il quale ha presentato l’opera del fotoreporter cipriota sottolineandone l’importanza in quanto testimonianza fotografica dello stato disastroso in cui versano i monumenti della parte occupata di Cipro.
La mostra è ospitata nello spazio espositivo dell’albergo Filoxenia della Comunità Greco Orientale di Trieste. L’inaugurazione si è svolta alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Trieste Massimo Greco, di S. E. il Metropolita d’Italia e Malta Gennadios, del Vescovo di Trieste Mons. Antonio Crepaldi, del Presidente della Provincia di Trieste Maria Τeresa Bassa Ρoropat, della Direttrice della Sezione Italiana della Fondazione Ellenica di Cultura Aliki Kefalogianni, dei rappresentanti delle altre Chiese ortodosse, delle autorità politiche e militari locali, di numerosi studenti e membri della Comunità Greca ed è stata ampiamente seguita dai mezzi di comunicazione locali.

Trieste – Italia