Eventi 2007

egkainia_callas_1Ottobre 2007
MARIA CALLAS… 30 ANNI DOPO
La mostra è stata inaugurata a palazzo Gopcevich dal presidente del Parlamento Ellenico onorevole Dimitrios Sioufas, alla presenza del sottosegretario italiano all’ Ambiente on. Roberto Menia e di tutte le principali autorità locali. La mostra è durata fino al 19 ottobre.
Organizzata dalla Fondazione del Parlamento Ellenico in occasione dei 30 anni dalla morte di Maria Callas e la proclamazione da parte del Ministero della Cultura del 2007 come anno di Maria Callas, la mostra ha illustrato il percorso artistico di Maria Callas in dueegkainia_callas_5 sezioni dedicate rispettivamente alla periodo greco e a quello internazionale della sua carriera. Dell’’esposizione faceva parte ricco materiale fotografico proveniente dagli archivi del Teatro alla Scala di Milano, del teatro la Fenice di Venezia, dell’Arena di Verona, della casa discografica EMI, dell’’Associated Press, del Museo Teatrale, dell’’Archivio Greco Storico Letterario (E.L.I.A.), del Museo Maria Callas del Comune di Atene, della Metropolitan Opera di Neegkainia_callas_2w York e da collezioni private. Sono stati esposti inoltre disegni di costumi e plastici di scena del pittore greco Giannis Tsarouchis e della scenografo Lila de Nobili messi a disposizione dalla Fondazione Giannis Tsarouchis, nonché opere di scultura moderna e schizzi ispirati all’artista realizzate dalla nota scultrice Aspasia Papadoperaki.
La mostra è stata inoltre arricchita con fotografie, locandine, egkainia_callas_4programmi, dischi e materiale documentario appartenenti al Museo Teatrale di Trieste “Carlo Schmidl” e riguardanti le apparizioni di Maria Callas al Politeama Rossetti nel 1948 e al Teatro Verdi nel 1951 e nel 1953. Altri materiali, tra cui costumi, gioielli di scena e alcuni documenti, sono stati messi a disposizione dall’’Archivio Callas del collezionista Michele Nocera.
Ogni lunedì, per tutta la durata della mostra, sono stati organizzati negli spazi del museo degli incontri con il pubblico con proiezioni e presentazioni riguardanti la vita e la carriera di Maria Callas, i quali hanno registrato una partecipazione di circa 120 persone ad incontro.
Parallelamente è stata realizzata in collaborazione con il Museo Postale di Trieste una mostra di francobolli con l’immagine di Maria Callas, di lettere manoscritte e cartoline.
La risposta del pubblico italiano è stata entusiasta. All’’inaugurazione hanno partecipato circa 400 persone e la mostra ha contato complessivamente 9.500 visitatori di ogni età. Il motivo di questo caloroso riscontro va sì ricercato nell’’approfondita conoscenza e nell’’amore del pubblico italiano per la musica lirica, ma soprattutto nel fatto che si è trattato di un’occasione per ammirare ricco materiale espositivo, in parte sconosciuto, riguardante l’artista mito, la cui carriera è sbocciata in Grecia, è fiorita in Italia e si è compiuta in ambito internazionale.


Otrieste1_metattobre 2007
IL FURTO DELLA STORIA 
In occasione dell’’inaugurazione della Sezione Italiana nell’’ottobre del 2007 è stata organizzata presso il Castello di San Giusto, in collaborazione don il Comune di Trieste e la Comunità Greco-orientale di Trieste, la mostra multimediale “Il furto della storia” riguardante il traffico illecito di antichità e le sue ripercussioni sulla civiltà. La mostra ha suscitato l’interesse particolare del trieste2pubblico italiano in quanto ’Italia, come la Grecia, è uno dei paesi “vittime” del traffico di antichità. La mostra ha avuto la durata di 2 mesi contando 6.500 visitatori, tra cui diverse scuole del Friuli – Venezia Giulia in virtù del carattere educativo della mostra.

Trieste – Italia